Mi rifugio nei miei spazi sicuri…

Quando ero una ragazzina avevo il mio scrittore feticcio e, ovviamente, uno dei suoi libri mi ha folgorato! La versione che lessi allora proveniva dalla biblioteca, sicché, in anni recenti mi sono procurata la nuova edizione Einaudi e l’altra sera ho ricominciato a leggerlo.

Davanti alla televisione, da cui accedo a tanti di quei sistemi streaming che potrei passarci i mesi ininterrottamente senza vedere una roba per due volte, ho ricominciato a vedere Friends, la serie di cui possiedo tutti i dvd, che ho visto per la prima volta sulla rai quando lo davano alle otto di sera.

Credo di aver visto ogni episodio almeno dieci volte, ma non importa, lo guardo ancora, di nuovo, magari mi è sfuggito un dettaglio!

A coronare il tutto, oggi mi è venuto in mente un pezzo che ascoltavo e suonavo tipo 25 anni fa e ora sto ascoltando una playlist di acid jazz; e per non farmi mancare nulla, domani faccio colazione con le mie amiche di infanzia.

Si tratta di un rifugio.

Io ci leggo un bisogno di ritrovarmi con le cose che amavo prima che la vita diventasse piena di responsabilità, quando ancora stavo scoprendo chi volevo essere e, soprattutto, non mi ero ancora sposata.

Temo sarà un percorso lungo, credevo di aver chiuso la faccenda con la firma sulle carte del divorzio ma così non è. Sto riscoprendo la mia vita a ritroso, andando a pescare le cose belle e vivendole di nuovo, ancora, da grande.

Mi serve ritrovare quella parte di me, per poter costruire la me stessa che sarò.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. @Oenopides ha detto:

    Io ti posso solo augurare che nel tempo che verrà un rapporto post matrimonio che poi diventa prevalentemente genitoriale … possa essere alla pari di quello che nel tempo dopo tante turbolenze io e anche il mio ex marito alla fine siamo riusciti a costruire.a volte succede che ci si rispetti più di prima e ci si vuole più bene, che ci si aiuti e supporti pur non amandosi e non essendo più coniugi. Molto di più forse ancora meglio di quando ci si amava o ci si credeva, e non tanto per il bene dei figli ma soprattutto per il bene di noi stessi. Mi sono presa un cane che sai che è il mio miglior compagno di vita . Mi rifugio in una lettura fantasy prediligendo e rileggendo Marion Zimmer Bradley. Ascolto tantissima musica e ti accorgerai che il mio blog parla di musica e quotidiana vita perché per me la musica è vita e questo modo di pensare e di vederla lo devo solo ad uomo che non è più il mio compagno ormai da quattro anni perché ci siamo lasciati per ragioni dolorose per quanto mi riguarda… troppe. Troppo dolore. Ma lui non è il mio ex marito, lui mi ha insegnato ad amare la musica … A conoscere la musica a distinguerla a viverla a respirarla e oggi nonostante sia una donna single per scelta io mi sento completa anche se qualche volta un po’ e per dovere mi sento di lamentarmi per la mia solitudine. . Le cose andranno sempre meglio vedrai soprattutto quando l’inizio di una vita nuova è molto difficile…. E se sei circondata da amiche dell’infanzia da quel che ho capito andrà anche meglio perché non sei completamente sola.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...