Respiro

il

Dopo un mese trascorso praticamente in apnea ora respiro.

Ho iniziato la parte più faticosa della cura dei denti, che rimandavo da 10 anni, per una questione di soldi, di priorità, di paura.

Ho fatto un esame medico invasivo che mi ha tenuto fuori campo per due giorni, .

Ho avuto il fiato corto per un bel po’.

Ora respiro. Con l’affanno ma respiro.

Ora cerco di non crollare perché il peggio è passato.

Ma io sono così. Mi faccio assalire dalla paura e poi mi butto e vada come vada.

E dopo crollo. Mi conosco bene, facevo così anche quando davo esami in università, concentrata, determinata e focalizzata sull’obiettivo e il giorno dopo crollavo.

Ora sono sulla via del crollo.

Arranco, rallento. Ci arrivo a un passo, a un millimetro. Poi mi ricordo chi sono. Poi mi ricordo che non posso contare su nessuno.

E vado avanti.

by Kriss

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. @SinusRoris ha detto:

    Questa volta intervengo con una citazione del grande
    Nietzsche … Tutto ciò che non ci uccide ci rafforza. Una delle cose che mi diceva sempre mio papà quando aveva momenti simili ai tuoi era all’incirca… il tuo carattere è forte, solido… per questo è pieno di cicatrici. … 🌹

    Piace a 2 people

  2. Martina ha detto:

    Mi sembra che contare su di te sia già determinante. Non è da tutti rialzarsi a un millimetro dal fondo.

    Piace a 2 people

Rispondi a Kriss Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...